Monete moderne e contemporanee

Teche GdN | Carlo I di Romania e le monete a due teste

Re con la barba sul dritto e principe imberbe sul rovescio: così si fece ritrarre Carlo I nelle monete a due teste da 5, 20 e 100 lei coniate nel 1906 per i quarant’anni del suo regno.

LEGGI L'ARTICOLO COMPLETO




Il ducato di Alvise Pisani

La moneta del primo anno di dogato di Alvise Pisani fra le ultime prodotte con un abbondante flusso di argento a Venezia. Il ducato d’argento del centoquattordicesimo doge di Venezia Alvise Pisani non si discostava dall’iconografia standard. C’era, dentro un cerchio perlinato, l’evangelista san Marco seduto in trono nell’atto di porgere lo stendardo repubblicano con…




Carlo V, apertura doppia di Milano

Un po’ spagnola, un po’ austriaca la Doppia di Milano

Nel Cinquecento la monetazione dei nuovi stati europei cambia radicalmente rispetto al passato. A influenzare le nuove tendenze contribuirono l’introduzione di macchinari per la produzione in serie e l’inarrestabile flusso di oro e argento proveniente dal continente americano. Anche lo stile cambiò. Nel Medioevo il ritratto del monarca era quasi sempre frontale e il volto…


TRA NUMISMATICA E GEOMETRIA,
“IL VALORE SEGRETO DELLA FORMA” 

(di Roberto Ganganelli) | Quando, attorno alla metà del XVII secolo, furono introdotti i primi macchinari per la coniazione in grande serie, uno dei miglioramenti che essi apportarono fu la regolarizzazione della forma delle monete che, al contrario di quanto avveniva con la battitura a martello, grazie a fustellatrici e torchi a vite risultavano perfettamente…