Monete moderne e contemporanee

DOSSIER SPECIALE: “SPICCIOLI DI PARADISO”.
LA PORTA SANTA IN MONETA, TRA FEDE E PROPAGANDA

(di Roberto Ganganelli) | L’Anno Santo della Misericordia ha portato, fra le altre iniziative editoriali, alla pubblicazione di un volume dal titolo “La Porta Santa tra storia, medaglie e modernità”. Un’opera edita da Editalia e firmata da Giancarlo Alteri, Vittorio Lanzani e Lucetta Scaraffia che, oltre ad essere una tipica “edizione di pregio” rappresenta un…


UN’INTERESSANTE FALSIFICAZIONE D’EPOCA
DELLA TRILLINA MILANESE DI FRANCESCO I

(di Antonio Rimoldi) | La moneta falsa ha origine con quella buona. O, meglio, la moneta falsa viene prodotta non appena è possibile mettere le mani su un pezzo genuino da usare come prototipo. Ma cosa falsificare? Possibilmente una moneta di valore non troppo elevato – e quindi controllata – ma nemmeno troppo basso, in…


Teche GdN: ESPERIMENTI PER LE PRIME MONETE
DEL REGNO, I 10 CENTESIMI “COLLO LUNGO”

(di Michele Cappellari, Matteo Rongo e Giovanni Battista Vigna | dal “GdN” n. 22 di novembre 2013, pp. 26-35) | Il cosiddetto 10 centesimi esperimento “collo lungo” rappresenta da anni motivo di contesa tra i numismatici. Si tratta di una coniazione interessante, collocata in un particolare momento storico, immediatamente successivo alla nascita del Regno d’Italia…




CONTRAFFAZIONE? E CHI LO DICE?
QUESTO E’ UN LUIGINO DI TORRIGLIA! 

(di Maurice Cammarano) | Il recente acquisto di questa rara moneta merita la sua presentazione anche perché, a mio parere, è la prima volta che compare sul mercato numismatico una contraffazione di un luigino di Dombes “dichiaratamente” battuto dalla zecca di Torriglia. Mi rendo conto che parlare di “contraffazione dichiaratamente battuta” da una zecca, potrebbe…


DOSSIER SPECIALE: IL GENIO DI GASPARE MOLA
E LE MEDAGLIE DI PAPA URBANO VIII | 2

(di Eleonora Giampiccolo | Da “Historia Mundi” n. 6, 2017, pp. 38-63 | seconda parte) | Già subito dopo l’indizione del Giubileo, nel giugno 1624, Urbano VIII aveva incaricato Gian Lorenzo Bernini, all’epoca ventiseienne, di realizzare un ciborio fisso sopra l’altare della Basilica Vaticana. Il compito non era certo dei più semplici perché egli avrebbe…


DOSSIER SPECIALE: IL GENIO DI GASPARE MOLA
E LE MEDAGLIE DI PAPA URBANO VIII | 1

(di Eleonora Giampiccolo | Da “Historia Mundi” n. 6, 2017, pp. 38-63 | prima parte) | Il 6 agosto 1623 saliva al soglio pontificio il cardinale Maffeo Barberini con il nome di Urbano VIII. A quel tempo ricopriva la carica di incisore camerale Giacomo Antonio Mori, milanese di origine, il quale, a causa dei suoi…


DUE MONETE INEDITE DI JACOPO VII APPIANI,
PRINCIPE DI PIOMBINO: UN APPROFONDIMENTO

(di Luciano Giannoni) | Figlio di Alessandro Appiani, ucciso in una congiura organizzata da alcune famiglie della piccola oligarchia piombinese ma alla quale verosimilmente non furono estranei né la moglie, Isabella Mendoza né l’amante di lei, don Felice d’Aragona, Iacopo VII fu il primo, ed ultimo, della famiglia Appiani (o d’Appiano) a fregiarsi del titolo…


UN RARISSIMO ZECCHINO E UNA MEDAGLIA…
PER UNA ZECCA CHE NON C’E’!

(di Antonio Castellani) | “Zecca mai esistita”: così esordisce Giuseppe Ruotolo a proposito di Belmonte, in provincia di Cosenza, a p. 511 della guida “Le zecche italiane fino all’Unità”, testo di riferimento sullo studio delle officine monetarie del nostro paese. In realtà, la cittadina calabra rientra fra quelle che, nel corso della storia, non hanno…