Casa Savoia all’asta a Monaco (5/6)

Il 17 novembre la casa d’aste Editions Victor Gadoury  di Monaco offre in vendita all’asta un’ampia collezione di monete e medaglie di Casa Savoia. Gli esemplari provengono dalle proprietà di un esponente della famiglia reale e passarli in rassegna è un’occasione per ripercorrere brevemente, in più puntate, la storia della dinastia regnante italiana.

Con il trattato dell’Aia del 1720 Vittorio Amedeo II era diventato re di Sardegna. Nel 1730 abdicò a favore del figlio Carlo Emanuele III, per ritirarsi a Chambery insieme alla moglie morganatica. Tornò però sui suoi passi per interferire pesantemente nelle decisioni politiche e militari del figlio. Fino a quando Carlo Emanuele lo fece incarcerare e Vittorio Emanuele II morì per malattia nell’ottobre 1732.

monete gadoury scudo vecchio carlo emanuele III

Scudo vecchio da 5 lire di Carlo Emanuele III coniato a Torino nel 1733. Base d’asta 7 mila euro.

 

Carlo Emanuele III, duca, re riformatore

Alla morte del padre, Carlo Emanuele III divenne il re indiscusso di Sardegna e duca di Savoia. Nella penisola i suoi domini erano gli unici, insieme a Venezia e Vaticano, indipendenti dalle altre potenze europee e  questa circostanza fece sì che alla famiglia Savoia fosse assegnato un ruolo speciale nel movimento di indipendenza italiana. Almeno idealmente il duca di Savoia e re di Sardegna si trovò a ricoprire la funzione di rappresentanza nazionale italiana.

monete gadoury 4 zecchini carlo emanuele III

Quattro zecchini detti dell’Annunciazione, coniati a Torino nel 1746 sotto Carlo Emanuele III. Alla rappresentazione del sovrano sul diritto, corrisponde sul rovescio una scena di Annunciazione. Base d’asta 15 mila euro.

L’esperienza delle guerre di successione polacca e austriaca – terminate con la rinuncia al ducato di Milano e la riacquisizione di Nizza, Savoia, Vigevanese con l’estensione della frontiera fino al Ticino, Vogherese e Oltrepò Pavese – aveva insegnato a Carlo Emanuele III la volatilità del peso militare di vittorie e sconfitte. Per questo, durante la guerra dei Sette anni scelse la neutralità e mentre le altre nazioni si dilaniavano, Carlo Emanuele riformò il suo stato. Accentrò i poteri in modo assolutistico, introdusse la meritocrazia nelle gerarchie militari e, grazie alla consulenza di Jean Jacques Rousseau, fu il primo in Europa a istituire un catasto. Ridusse le autonomie locali (abrogò per esempio i privilegi della Valle d’Aosta), eliminò prerogative feudali e limitò la libertà di stampa. Nel 1750, come ringraziamento per le conquiste territoriali ottenute, organizzò l’ostensione della Sindone.

monete gadoury carlino da 5 doppie carlo emanuele III

Carlino da 5 doppie di Carlo Emanuele III, coniato a Torino nel 1755. Fra il 1755 e il 1768 vennero battuti complessivamente 2.376 pezzi di questa tipologia di moneta. Base d’asta 40 mila euro.

La ricca produzione monetale della zecca di Torino, che coniava un gran numero di monete d’oro e argento, testimonia la ricchezza e il potere economico del territorio in quel periodo. Le monete si dividono in un primo e un secondo periodo e lo spartiacque è un’importante riforma decisa nel 1754. Fino al 1755 in Savoia circolava una gran varietà di monete d’oro e d’argento di tipologie diverse: furono demonetizzate e riconiate in nuove monete d’oro e d’argento basate sul carlino (dal suo soprannome) e la doppietta sarda alla zecca di Torino. Lo scudo nuovo con tutte le sue numerose frazioni divenne l’esemplare d’argento più importante della monetazione.

 

monete gadoury scudo nuovo carlo emanuele III

Scudo nuovo di Carlo Emanuele III, battuto a Torino nel 1756, dopo la riforma. Base d’asta 3.500 euro.

Vittorio Amedeo III e lo scontro con Napoleone

Nel 1773 assunse la carica di re di Sardegna e duca di Savoia il figlio maggiore di Carlo Emanuele III. Vittorio Amedeo III, devotamente religioso e convinto del diritto divino dei sovrani, era contrario a qualsiasi tentativo di riforma in senso liberale. Per lui la Rivoluzione francese fu uno shock.

monete gadoury scudo da 6 lire vittorio amedeo III

Scudo da 6 lire di Vittorio Amedeo III, coniato a Torino nel 1773. Base d’asta 15 mila euro.

Vittorio Amedeo III si schierò immediatamente con i monarchici e fu sconfitto in modo schiacciante per tre volte dall’armata d’Italia di Napoleone Bonaparte. Nel 1796 dovette firmare un trattato di pace che imponeva condizioni umilianti: la cessione del ducato di Savoia alla Francia in cambio del solo mantenimento del Regno di Sardegna. A Torino fu proclamata la Repubblica piemontese. Un ictus pose fine alla vita di Vittorio Amedeo qualche mese più tardi. Al figlio lasciò un regno dissestato.

monete gadoury mezzo scudo repubblica piemontese

Mezzo scudo della Repubblica piemontese, battuto a Torino nel settimo anno, cioè nel 1799. Base d’asta: 2.500 euro.

Mezzo scudo della Repubblica piemontese, battuto a Torino nel settimo anno, cioè nel 1799. Base d’asta: 2.500 euro.

L’inutile regno di Carlo Emanuele IV

Carlo Emanuele IV, figlio di Vittorio Amedeo III, fu lasciato solo con il titolo e il governo sul regno di Sardegna. Malaticcio, epilettico, psicologicamente fragile, prese il potere nel 1796 ma nel 1802 abbandonò la sua carica e prese il potere il fratello minore per poter trascorrere il resto della vita solitaria come un semplice fratello nell’ordine dei gesuiti.

La rivincita di Vittorio Emanuele I

Nel 1802 entrò in scena il fratello minore di Carlo Emanuele IV. Vittorio Emanuele I si stabilì in Sardegna da dove riorganizzò il suo piccolo regno. Alcuni risultati delle sue riforme hanno ancora oggi effetto durevole, come la creazione del corpo dei carabinieri e del ministero della Marina.
Ferocemente antinapoleonico, al tavolo del Congresso di Vienna riuscì a riguadagnare tutti i suoi precedenti territori, con l’aggiunta della Repubblica di Genova.
Vittorio Emanuele I governò con polso di ferro e la sua severità gli valse il soprannome di “Tenacissimo”. Revocò il codice napoleonico, restituì i privilegi alla nobiltà e al clero cercando alleati tra le famiglie reali più antiche d’Europa. Se lui stesso aveva sposato l’arciduchessa d’Austria Maria Teresa, nipote dell’ultimo imperatore dell’Impero romano, le  figlie sposarono tutte discendenti della dinastia Asburgo. Tranne Maria Teresa, che andò in sposa al duca di Parma Carlo II, discendente della linea spagnola dei Borboni.

monete gadoury smedaglia vittorio emanuele I

Medaglia d’oro che celebra il matrimonio della figlia di Vittorio Emanuele I, Maria Teresa, con il duca di Parma Carlo Luigi. Fu battuta a Torino nel 1820. Base d’asta 18 mila euro.

Articolo precedente