Per Maria Montessori la moneta da 2 euro

La pedagogista italiana è protagonista della 2 euro distribuita in versione proof e rotolini fior di conio

“Se v’è per l’umanità una speranza di salvezza e di aiuto, questo aiuto non potrà venire che dal bambino, perché in lui si costruisce l’uomo”.

È dedicata a Maria Montessori, la moneta italiana da 2 euro distribuita dal 9 giugno. Celebra i 150 anni dalla nascita dell’educatrice, pedagogista, filosofa, neuropsichiatra infantile, nota in tutto il mondo per il metodo didattico che prende il suo nome.

Il pensiero della Montessori identifica il “bambino come essere completo, capace di sviluppare energie creative e possessore di disposizioni morali”, che l’adulto ha ormai compresso dentro di sé rendendole inattive. Il principio fondamentale deve essere la “libertà dell’allievo”, poiché solo la libertà favorisce la creatività del bambino già presente nella sua natura. La libertà è qui intesa come quella di insegnare al bambino a “fare da solo”. Ed è grazie a questo tipo di libertà, intesa come autonomia, che emergerà nel bambino il senso della disciplina.

La moneta (diametro 25,75 mm; peso 8,5 g), che ritrae il volto di Maria Montessori insieme a elementi didattici tratti dal suo sistema educativo, è opera dell’artista Luciana De Simoni. È stata realizzata nella versione proof con una tiratura di 5.000 esemplari (già esaurita) e in rotolini fior di conio da 25 pezzi (tiratura: 4.ooo esemplari).

Il volto dell’educatrice italiana non è estraneo alla numismatica: nel 1980 compariva sulla moneta FAO da 200 lire e sulla celebre banconota da 1.000 lire, l’ultima banconota italiana da mille lire prima dell’avvento dell’euro.

Puoi consultare qui il programma numismatico italiano 2020